Lina Pasca e dintorni…

…perchè la storia siamo noi….

DON PEPPINO, PATRIMONIO DA CUSTODIRE

 

Son passati poco più di quattro mesi dal mio articolo “Censuriamo la censura. Camorra  ed eroi” e già mi tocca ritornare sull’argomento per far sì che si ristabilisca di nuovo “l’ordine” sulla figura di un vero eroe italiano, don Peppino Diana, sacerdote massacrato nella sua parrocchia di Casal di Principe il 19 marzo 1994 dal clan dei casalesi.

Questa volta a infangarne la memoria non è stato un giornale locale, né un camorrista qualunque, come già avvenuto in passato, ma uno che i camorristi li difende, l’onorevole Gaetano Pecorella.

Avvocato penalista, nonché Parlamentare del PDL , Pecorella aveva difeso nelle aule di tribunale Nunzio De Falco, il mandante dell’omicidio del prete anticamorra. Secondo il parlamentare, la morte del sacerdote non si può considerare come un segnale chiaro ed inequivocabile profuso dalla camorra, perché il movente di quel barbaro assassinio non è stato ancora definito e bisogna ancora accertare se si tratti di un regolamento di conti o di uno sgarro.

Secondo la tesi di Pecorella, tra i moventi indicati, agli atti del processo, ce ne sono tra i più diversi. Qualcuno ha parlato di una vendetta per gelosia perché gli “piacevano le donne”, qualcun’altro perché conservava le armi dei clan.

Gaetano Pecorella Gaetano Pecorella 

Quindi secondo il parlamentare “…Nessuno ha mai detto perché è avvenuto questo omicidio, visto che non c’erano precedenti per ricostruire i fatti. Nel processo non è emerso nulla di più. E se tra i diversi moventi c’è anche quello che don Diana facesse attività anti-camorra, per la verità nel processo non è venuto fuori molto chiaro neanche questo come movente. E’ inutile che costruiamo delle fantasie sulle ipotesi. Quella dell’impegno anticamorra è tra le ipotesi. Ora se è un martire bisogna capirlo dal movente che non è stato chiarito….”

Il politico si sbaglia di grosso. Se è vero che nel processo di primo grado egli è stato il difensore di un camorrista spietato e mandante dell’omicidio (e sappiamo che ogni legale è tenuto a difendere il proprio assistito anche quando questi viene colto con le mani nella marmellata), è anche vero che il processo è finito da un po’, e la tesi di Pecorella è stata letteralmente spazzata via da una sentenza della Cassazione.  Essa ha confermato la condanna all’ergastolo per due esecutori materiali e a 14 anni di carcere, perché pentito, per il terzo esecutore materiale. Quella sentenza giunta nel marzo 2004 ha stabilito che il sacerdote è stato assassinato per il suo impegno anticamorra.  Sarebbe ora che l’avvocato Pecorella posasse nell’armadio la sua toga visto che il processo è finito da un po’. Non c’è bisogno di difendere De Falco a vita. Per fortuna, uomini di giustizia, della vera giustizia, il camorrista assassino di un martire l’hanno sbattuto in galera dove spero finirà i suoi giorni.

Sembra singolare il fatto che l’onorevole Pecorella sia oggi presidente della Commissione di Inchiesta sul Ciclo dei Rifiuti. Cioè di un mondo dove la camorra l’ha fatta, e si suppone la faccia ancora, da padrona. Perché credete che le strade delle nostre città siano state (e in alcuni casi ancora sono) inondate dalla “monnezza”? Perché dove c’è smaltimento c’è denaro, dove ci sono gli affari c’è la camorra. Certo è che se un onorevole del nostro Parlamento dirige una commissione che dovrebbe indagare sui rapporti rifiuti-criminalità e poi difende un camorrista, e se dopo sentenze passate in giudicato e pronunciamenti della magistratura i camorristi li difende ancora, siamo belli che rovinati!

Forse però c’è qualcosa che vale ancora di più delle sentenze giudiziali, e sono le sentenze dell’opinione pubblica.  Sono state circa 150 mila le persone che sono scese in piazza dal 19 al 21 marzo, tra Casal di Principe e Napoli, nell’annuale appuntamento di Libera per ricordare le vittime di mafia.

A questo punto si potrebbe proporre una nuova mobilitazione. Scendere magari tutti in piazza per gridare nuovamente basta alle squallide insinuazioni su don Diana. Basta con le diffamazioni usate per delegittimare chi lotta e muore contro la mafia, com’è avvenuto con don Puglisi o Falcone. Basta con queste insinuazioni che servono a delegittimare la figura morale di coloro che servono ai giovani come esempi. Dei veri modelli per le generazioni future che attraverso le figure di questi eroi possono sperare di cambiare la triste realtà presente nei nostri territori violentati.

Il mio precedente articolo aveva come titolo “…Censuriamo la censura…” Questa volta mi sto chiedendo: fermo restando che bisogna tutelare la libertà di espressione e di parola, ma non sarebbe meglio che certi personaggi si auto-censurassero di tanto in tanto? Eviterebbero di fare brutte figure e soprattutto di ottenere l’opposto di ciò che ipotizzavano determinasse il proprio intervento.

Ancora una volta si è capito come don Diana sia stato martire ed eroe, come attestano non una ma numerose sentenze. E come il modello e l’esempio di don Peppino siano eredità per tutti, giovani e meno giovani, patrimonio collettivo della coscienza civile non del Sud ma dell’Italia tutta. Patrimonio che, come tutti i tesori, va custodito, tutelato e difeso. Sempre e per sempre.

Lina Pasca

05/08/09

Annunci

1 commento»

  Raffaele de Chiara wrote @

Cara Lina,

La libertà non ha prezzo ne conosce confini di sorta; brava Lina.

Cordialmente
Raffaele de Chiara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: